APICOLTURA TRE COLLI
Le api e il freddo | Apicoltura Tre Colli
Polline fresco per il controllo del peso corporeo
Polline fresco, Valgraziosa Calci Pisa
16577
post-template-default,single,single-post,postid-16577,single-format-standard,theme-bridge,bridge-core-3.2.0,qode-quick-links-2.1,woocommerce-no-js,qodef-qi--no-touch,qi-addons-for-elementor-1.7.6,qode-page-transition-enabled,ajax_fade,page_not_loaded,,side_menu_slide_with_content,width_470,columns-4,qode-theme-ver-30.6,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-7.7.2,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-17814

Le api e il freddo

Le api e il freddo

Le api sono non sono in grado di regolare la temperatura corporea essendo insetti, quindi devono difendersi dal freddo riscaldando l’arnia fino a circa 21°C.

Ma come fanno a produrre calore?

Le api per non disperdere calore si stringo una vicino all’altra formando il Glomere.
Più fa freddo più le api si stringono le une alle altre e viceversa. Inoltre le api esterne in questa “palla di api” daranno il cambio a quelle più interne e così via; al centro sempre l’Ape Regina.
Tramite i muscoli pettorali che vibrano le api sprigionano il calore che permette loro di sopravvivere. Con il meccanismo della trofallassi le api  riescono a scambiarsi il miele che servirà loro come carburante per far vibrare i muscoli pettorali.

Per questo è importante verificare le scorte di miele durante l’inverno e in caso di carenza fornire un prodotto zuccherino supplementare.